Food Safety Modernization Act

Berry smoothie

Cos’è il FSMA?

La Legge sulla modernizzazione della sicurezza alimentare (Food Safety Modernization Act-FSMA) è una legislazione statunitense che fornisce alle autorità di controllo della Food and Drug Administration (FDA) l’istituzione e la regolamentazione degli standard di sicurezza alimentare per la coltivazione, la lavorazione, l’imballaggio, lo stoccaggio e la distribuzione di prodotti alimentari nazionali e prodotti importati. Dalla sua entrata in vigore nel 2011, è stata sviluppata una serie di regole che definiscono i requisiti minimi che le attività alimentari devono implementare nelle fasi di produzione, gestione e/o distribuzione di alimenti per la vendita e il consumo negli Stati Uniti.

Le regole che riguardano i coltivatori di prodotti agricoli, i produttori di alimenti, i fornitori stranieri e le imprese coinvolte nello stoccaggio e nella distribuzione di prodotti alimentari includono quanto segue:

La tua azienda è influenzata da uno o più di questi regolamenti? In tal caso, la certificazione di sicurezza alimentare accreditata a uno schema riconosciuto GFSI è un modo per far sì che la tua attività sia in linea con i requisiti di legge.

I programmi di certificazione riconosciuti da Global Food Safety Initiative (GFSI) si basano su standard di sicurezza alimentare privati, che non rappresentano una legislazione nazionale specifica. Piuttosto, gli standard benchmark GFSI sono sistemi di gestione della sicurezza alimentare basati sull’HACCP, che si allineano con molti dei requisiti scientifici e si basano sui rischi previsti dalle regole del FSMA. Inoltre, i programmi di certificazione riconosciuti dalla GFSI contengono molti requisiti per garantire che le aziende rispettino tutte le normative pertinenti relative al paese di produzione e vendita (ad es. norme di igiene, etichettatura degli allergeni, indicazioni sui prodotti).

Dalla pubblicazione delle regole finali, molti proprietari (CPOs) di programmi di certificazione GFSI hanno condotto studi indipendenti per dimostrare come il loro standard fosse allineato alla regolamentazione dei Controlli Preventivi. In generale, i risultati delle analisi hanno dimostrato uno stretto allineamento tra gli standard di riferimento e il regolamento con alcuni CPOs che sviluppano moduli aggiuntivi e documenti di orientamento per supportare le aziende certificate nell’adattare il loro programma riconosciuto da GFSI in modo da soddisfare e superare i requisiti normativi.

In risposta al documento Benchmarking Requirements v7.0 della GFSI aggiornato lo scorso anno, gli standard riconosciuti stanno ulteriormente colmando il divario tra i loro programmi e le regole FSMA per supportare i siti certificati GFSI nell’implementazione di un sistema completo di gestione della sicurezza alimentare, che unisce le migliori pratiche del settore e le norme globali relative agli alimenti.

Clicca sui link qui sotto per saperne di più su CPOs e FSMA.

In generale, tutto il cibo in vendita e consumo negli Stati Uniti è soggetto alle regole applicabili della FSMA, indipendentemente da dove viene prodotto o lavorato. Per garantire la conformità, i sistemi di gestione della sicurezza alimentare dei fornitori stranieri sono verificati in due modi rispetto alle regole.

Il primo modo è attraverso il programma di filiera di un produttore di alimenti come richiesto dalla sotto parte G della regola dei Controlli Preventivi. Le aziende soggette ai Controlli Preventivi sono responsabili della definizione e dell’attuazione di un programma di filiera basato sul rischio per controllare i rischi identificati nelle materie prime e negli ingredienti. Il programma richiede l’uso di fornitori approvati, l’applicazione di procedure di accettazione dei materiali e attività di verifica dei fornitori per garantire che i rischi identificati siano mitigati e venga impedito che entrino nella catena di approvvigionamento alimentare.

Il secondo modo è attraverso i requisiti di importazione dettagliati nel Programma di Verifica Fornitori Esteri (FSVP). Gli importatori statunitensi sono tenuti a condurre un’analisi dei rischi per ogni tipo di alimento importato per identificare rischi significativi e condurre una valutazione del rischio per determinare l’idoneità del fornitore di alimenti che soddisfi i regolamenti statunitensi. A seconda dell’esito dell’analisi dei rischi e della valutazione del rischio, l’importatore è responsabile della conduzione di una o più attività di verifica, che possono includere una verifica sul posto nel sito del fornitore, per garantire la conformità normativa.

La conformità normativa con la legislazione alimentare specifica di un paese come la FSMA può sembrare schiacciante in una catena di approvvigionamento globale. Fortunatamente, ci sono sistemi e strumenti globalmente riconosciuti e standardizzati per aiutare la tua attività a rimanere sulla cresta dell’onda.

  • Per il monitoraggio ambientale e le analisi sui prodotti, garantire che l’analisi sia eseguita da parte di un laboratorio accreditato ISO 17025.
  • Per una gestione efficace della sicurezza alimentare, certificarsi in base a un programma riconosciuto dalla GFSI, che fornisce il quadro per la gestione basata sui rischi di pericoli alimentari, frodi e minacce alla sicurezza.
  • Per gli audit di verifica dei fornitori in loco, assicurare che la valutazione venga effettuata da parte di un ispettore governativo qualificato o da parte di un auditor indipendente di un organismo di certificazione accreditato.

Inizia ora il tuo viaggio verso la certificazione

Share This